Modulo 6 | Praticare quotidianamente la risoluzione dei problemi e il processo decisionale

Current Status
Not Enrolled
Price
Closed
Get Started

Introduzione

In questo modulo affronteremo come sviluppare nei giovani studenti due competenze:

  • Prendere le decisioni
  • risolvere i problemi.

La vita è un processo decisionale costante e un’abilità sociale e di vita fondamentale, e i giovani studenti devono essere attrezzati per capire come prendere decisioni, altrimenti gli altri prenderanno decisioni per noi per difetto che possono produrre sentimenti di frustrazione e vivere la vita degli altri.

La maggior parte dei settori della nostra vita presenta delle scelte che a loro volta implicano delle decisioni, che risolvono problemi grandi o piccoli. Man mano che gli individui crescono e si assumono maggiori responsabilità, il processo decisionale e le sue implicazioni diventeranno più o meno importanti a seconda delle persone che sono interessate da queste decisioni. Per un’azienda, una decisione buona o cattiva può influire sulla sua redditività economica; nella casa di famiglia le decisioni chiave avranno un impatto sulle possibilità di vita di figli e figlie. Pertanto, non sono solo le persone che gestiranno le grandi aziende a dover essere formate nel processo decisionale e nella risoluzione dei problemi, ma anche tutte le persone che si trovano a dover prendere decisioni difficili nella loro sfera personale o familiare. In altre parole, l’argomento è che la formazione nel processo decisionale e nella risoluzione dei problemi è una capacità di vita universale e che dovrebbe essere disponibile per tutti i cittadini.

Non importa quanto abbiamo analizzato una situazione, soppesato diverse alternative e considerato le possibili conseguenze delle nostre azioni, in anticipo, bisogna accettare che ci saranno sempre occasioni in cui ci si troverà di fronte a risultati imprevedibili che riflettono diversi livelli di incertezza e di rischio…

Come già detto il rischio è insito nella vita, e se si accetta questa realtà diventa possibile imparare dai fallimenti e dai successi derivanti da questo processo decisionale. In questo modo gli individui sono effettivamente in grado di prendere il controllo della propria vita e di essere soddisfatti in modo più personale.

Ci sono molti modelli che aiutano il processo decisionale di fronte alla soluzione dei problemi, ma la maggior parte di essi ruota attorno ai seguenti passaggi chiave:

1.- Orientamento verso il problema: in primo luogo si dovrebbe realizzare un esercizio di sensibilizzazione sulla natura dei problemi, aumentando la sensibilità verso di essi e la comprensione che essi fanno parte della condizione umana. In questo modo si svilupperà un atteggiamento più positivo nei confronti del problema o della situazione e si spera che si eviterà l’autocritica dannosa.

2.- Definizione e formulazione del problema: Avendo stabilito un atteggiamento positivo verso la soluzione del problema, l’obiettivo dovrebbe essere quello di analizzare e contestualizzare il problema raccogliendo tutte le informazioni rilevanti che possono aiutarci a risolverlo. In molte occasioni, una cattiva definizione del problema è ciò che tende a generare più insicurezza e preoccupazione.

3.- Ricerca di soluzioni alternative: si spera che i singoli individui possano trovare il più ampio ventaglio possibile di soluzioni al loro problema; per farlo occorrerà creatività e fantasia per generare un gran numero, sia in quantità che in qualità, di soluzioni possibili, adottando un atteggiamento costruttivo senza esprimere giudizi di valore preventivo verso una proposta specifica.

4.- Processo decisionale: una volta identificate le diverse alternative / soluzioni al problema, il passo successivo è quello di prendere la decisione. È in questo momento che un individuo deve considerare i probabili risultati a breve, medio e lungo termine per ogni rispettiva linea d’azione… È anche in questo momento in cui la reversibilità di una decisione, il suo impatto, dovrebbe essere affrontato, ecc. Chiaramente se una decisione non può essere invertita, allora è tanto più importante considerare tutte le questioni con la massima attenzione se non è possibile ritardare.

5.- L’ultimo passo è quello di attuare e monitorare l’impatto della decisione. L’opzione scelta deve essere messa in pratica e, soprattutto, la sua efficacia deve essere valutata. È necessario essere autocritici in questo momento ed essere in grado di riformulare le soluzioni se il risultato non è quello previsto. Come abbiamo già detto, il processo decisionale deve essere inteso come un processo di apprendimento costante e non si deve esitare o evitare di intraprendere azioni correttive se si ritiene necessario.

Indipendentemente dal modello scelto per risolvere il problema, il processo decisionale deve essere concepito in modo da promuovere la fiducia e la disponibilità ad assumersi responsabilità in diversi contesti e momenti critici. Si può quindi apprezzare il motivo per cui questo processo è un’abilità di vita personale che promuove il successo nel prendere decisioni in ambito personale, familiare e professionale.